Jaresh Giordania
16 Apr

Cosa vedere in Giordania? | Le Attrazioni Più Popolari della Giordania

La Giordania è una meta che soddisfa qualsiasi esigenza, con paesaggi che variano dal mare alla montagna, dalla città al deserto, e numerosi siti archeologici che testimoniano l’antica presenza in questa terra di grandiose civiltà. Castelli che si innalzano tra le dune del deserto, luoghi biblici che sembrano dei dipinti senza tempo, acque cristalline che lambiscono spiagge dalla sabbia dorata, fondali popolati da una densa popolazione di creature marine affascinano ogni giorno visitatori provenienti da tutto il mondo.

Amman

 

La capitale della Giordania, Amman, è una cittadina dalla storia antichissima. Ovunque, tra le sue mura, ci si imbatte in rovine di epoca bizantina, omayyade, romana. Tra i monumenti più noti che conservano intatta la loro bellezza nel tempo, nella zona settentrionale di Amman troviamo il Teatro Romano del II secolo d.C. e il sito della Cittadella, che sorge su uno dei colli su cui è fondata la città e regala un panorama davvero suggestivo. Nel suo perimetro sono inclusi il Tempio di Ercole, il Palazzo degli Omayyadi, la chiesa Bizantina e l’Odeon. Nella capitale sono assolutamente da visitare anche il Museo Archeologico e la Moschea del Re Abdullah I, costruita tra il 1982 e il 1989 e sormontata da una maestosa cupola azzurra ricoperta di mosaici in contrasto con il bianco dei minareti. Vale poi la pena passeggiare tra le stradine della città e scoprire il fascino dei suoi mercati tradizionali, i souk, che vendono merce di ogni genere.

Mar Morto

 


Il Mar Morto, il punto più basso della terra (400 metri sotto il livello del mare), è una destinazione imprescindibile per qualsiasi turista che si rechi in Giordania. Si tratta di un enorme lago salato, conosciuto sin dall’antichità per le proprietà terapeutiche e cosmetiche delle sue acque e dei suoi rinomati fanghi. Infatti, l’altissima concentrazione di sali minerali e oligoelementi nelle acque del bacino, abitato esclusivamente da alghe e batteri, ha sicuramente degli effetti benefici sulla salute, ma regala anche ai turisti la divertente esperienza di galleggiare sull’acqua senza alcuno sforzo, magari sorseggiando un drink o leggendo il giornale. Anche i fanghi del Mar Morto sono a dir poco miracolosi e vengono esportati in tutto il mondo e utilizzati per trattamenti cosmetici e terapeutici.

Petra

 


La perla rosa della Giordania, l’antica capitale dei Nabatei Petra, è una città particolare in quanto interamente scolpita nelle pareti di arenaria di un canyon. Si tratta di un posto suggestivo, dalle rocce policrome che assumono diverse tonalità, dal giallo ocra al rosso, dal rosa al bianco. Proclamata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, la “città rosa”, è visitata ogni anno da un gran numero di turisti. Petra si svela ai visitatori in tutta la sua bellezza, all’uscita dalla stretta gola del Siq, lunga più di un kilometro e fiancheggiata da altissime pareti rocciose. La città ospita essenzialmente antichi templi e tombe e il suo edificio più noto, raffigurato ovunque e divenuto il simbolo della Giordania, è il Tesoro, El Khazneh, nato come tomba di uno dei sovrani nabatei e poi adibito a luogo di culto. La facciata dell’edificio è ornata da eleganti colonne e decorata con figure mitologiche e divinità scolpite direttamente nella roccia.

Deserto Wadi Rum

 

Oltre a Petra, anche il deserto Wadi Rum, un’area protetta situata nella Giordania del sud, è divenuto patrimonio dell'umanità UNESCO. La valle è nota per aver fatto da sfondo alle imprese del leggendario Lawrence D’Arabia durante la Rivolta Araba del 1917-1918 contro l’Impero Ottomano. Le formazioni rocciose di arenaria e granito che spiccano nella distesa di sabbia dorata creano un particolarissimo paesaggio lunare (è per questo che oggi il Wadi Rum è conosciuto come Valle della Luna). Tra i luoghi da visitare spiccano il Canyon Khazaly, un piccolo canyon sulle cui pareti sono presenti incisioni rupestri di epoca preistorica raffiguranti principalmente antilopi e uomini, e il monte Jebel Rum (1754 metri di altezza), meta privilegiata per gli appassionati di escursionismo e arrampicata.

I castelli del deserto

Degni di una visita sono poi i famosi castelli del deserto di epoca omayyade, importanti esempi di architettura e arte islamica ai suoi esordi. Il più noto e quello meglio conservato è il castello di Qusayr Amra, anch’esso dichiarato dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”.

Aqaba

 


Non si può visitare la Giordania e non concedersi un tuffo nelle acque cristalline del Mar Rosso per ammirare i suoi coloratissimi fondali abitati dalle più straordinarie creature marine. La città di Aqaba, nell’omonimo Golfo, è l’unico punto di sbocco del paese sul Mar Rosso. In questa tranquilla cittadina di mare potrete dedicarvi a sport acquatici, quali immersioni e snorkeling, e provare indimenticabili emozioni negli abissi.

Madaba, Monte Nebo

 


Per i turisti che avessero voglia di vivere un’esperienza mistica e ammirare un panorama mozzafiato, una gita sul Monte Nebo è un’esperienza imprescindibile. Si tratta di un luogo di grande importanza per le religioni del libro in quanto, secondo la tradizione biblica, esso è il luogo in cui Mosè ebbe la visione della Terra Promessa. Non molto distante dal Monte Nebo, nella cittadina di Madaba, si trova la Chiesa greco-ortodossa di San Giorgio, nota per i suoi numerosi mosaici decorativi, il più importante dei quali è senz’altro la mappa della Palestina risalente al VI secolo.

Jerash

 


Jerash, l’antica Gerasa, è uno dei siti archeologici di epoca romana meglio conservati al mondo, tanto da aggiudicarsi l’appellativo di “Pompei d’Oriente”. Jerash è una città antichissima, i cui primi insediamenti risalgono addirittura all’Età del Bronzo. Passeggiando per le sue strade, si possono ancora ammirare le rovine della città greco-romana, in particolare Terme, Templi, il Ninfeo, l’Agorà, la Piazza Ovale e i due principali assi dello schema urbanistico di epoca romana, il Cardo e il Decumanus Maximus.

I castelli crociati di Kerak e Shobak

 


La Giordania è infine un esempio del genio militare dei crociati, i quali costruirono numerose fortezze con funzione difensiva lungo la via di collegamento commerciale tra Damasco e il Cairo, due delle quali degne di particolare nota: il Castello dei Crociati di Kerak e quello di Shobak, entrambi datati al XII secolo.

La nostra storia
Memphis Tours è nata come un business di famiglia nel 1955. La compagnia è stata pioniera nel settore del turismo in Egitto, affermandosi come una delle principali nell’organizzazione di escursioni sulle coste, comprese crociere come P&O Cruises, Princess Cruises e British, French & American navies dal 1955 alla fine del 1996
Attualmente stiamo espandendo i nostri servizi in nuove destinazioni come l’India, la Giordania, Dubai, l’Oman, la Turchia, il Marocco, la Grecia, la Spagna, il Libano e l’Africa. Il nostro staff è costituito da più di 300 persone – numero in crescita ogni anno – di culture, esperienze e genere diversi. Il loro servizio, di cui beneficiano più di 20.000 ospiti di Memphis Tours provenienti da tutto il mondo è di notevole qualità e si basa sull’attenzione ai dettagli.
Viaggio su Pinterest
Contattaci