Sign Up To Our Newsletter

La Piramide di Cheope: La Piramide di Khufu in Egitto

 

La Piramide più grande in Egitto

 

La Piramide di Cheope, è una delle tre piramidi più grandi del mondo, noto anche come (Khufu) edificata nel plateau di Giza e si considera una delle sette Meraviglie del mondo Antico e fino ad oggi ancora esistente e visitato sempre dai viaggiatori italiani, è la prima che appare alla vista se, come la maggior parte dei visitatori, si arriva da Sharia El-Ahram.


Questa meraviglia è stata completata intorno al 2560 a.C., l’altezza originariamente superava i 145 metri di altezza (oggi ridotti a 138 a causa della rimozione di elementi architetturali esterni). Più alta di qualsiasi costruzione realizzata prima dell'epoca industriale, è un prodigio della matematica e dell’ingegneria, fu costruita sulla base di conoscenze geometriche e tecniche molto sviluppate.


A parte della piramide di Cheope, ci sono anche altre 2 piramidi da visitare in Egitto come la Piramide di Chefren e Micerino e c`e` anche la Piramide di Djoser a Saqqara che ha quattro gradoni, la Piramide Romboidale e la Piramide Rossa di Snefru a Dahshur.
 

La Piramide di Cheope: La Piramide di Khufu in Egitto

 

Chi è Khufu e qual'è` il segreto del suo nome?


 
Il faraone Khufu, conosciuto anche col nome greco di Cheope, fu il secondo faraone della quarta dinastia dell’Antico Egitto, durante l’epoca dell’Antico Regno. Ai suoi figli Chefren e Micerino, viene attribuita la realizzazione delle altre due piramidi di Giza, ma nessuna di queste due ha le stesse imponenti dimensioni della grande Piramide di Cheope. 


Vi possiamo confermare che anche potete fare un viaggio in Egitto visitando le Piramidi egizie con la Sfinge e fare un tour a Giza in Egitto e scoprire il museo egizio delle antichità e potete anche prenotare una Crociera sul Nilo a prezzi speciali godendo un`itinerario diverso ogni giorno.

 

La Piramide di Cheope: La Piramide di Khufu in Egitto

 

La costruzione della piramide di Cheope


Pare che Cheope abbia regnato dal 2589 al 2560 a.C., la piramide a lui dedicata come abbiamo visto è la più antica e la piramide più grande del mondo. È stato stimato che sia formata da 2,5 milioni di blocchi di pietra di calcare, ognuno dei quali pesa 2,3 tonnellate, ma sembrerebbe che alcune pietre poste alla sua base si aggirino addirittura intorno alle 15 tonnellate.

 

Secondo le stime e le statistiche degli egittologi che hanno confermato che il volume della piramide di Cheope arriva fino a 2.5 milioni di metri cubi. La quarta dinastia è considerata un’età d’oro per l’Antico Regno, principalmente per via delle imponenti, quasi gigantesche dimensioni e per la particolare fattura delle piramidi costruite in questo periodo.


A partire dalla costruzione delle piramidi del padre di Cheope, Snefru, realizzate a Dahshur, le piramidi della quarta dinastia presentano di fatto maggiori dimensioni e un aspetto più curato rispetto alle altre edificate in epoca anteriore o successiva.
 
La parola piramide deriva dalla lingua greca, “pyramis”, per gli egizi la piramide era il modo di garantire l'immortalità del faraone e di conseguenza del loro regno. Per essere efficace in questo, la piramide doveva necessariamente essere completata prima della morte del faraone.

 

A un terzo dell'altezza della Grande Piramide, a circa 45 m dalla base, si trova la Camera del Re, fu scoperta dal Califfo Ma’mun, intorno all’820 d.C. 


Quando fu aperta si pensava che si sarebbe trovato un tesoro proporzionato alla grandezza del monarca, invece con estrema sorpresa, la camera del faraone (funeraria secondo l'egittologia ortodossa) è stata trovata completamente vuota e spoglia, non restavano nemmeno le decorazioni o le iscrizioni che originariamente dovevano essere state poste sulle pareti, l’unica cosa che fu trovata è il sarcofago in granito, vuoto anch’esso. 
 

La Piramide di Cheope: La Piramide di Khufu in Egitto

 

La camera del re è consigliabile o no?


La camera del Re può essere visitata, è accessibile grazie ad una scalinata di pochi metri posta sulla facciata esterna della Grande Piramide di Giza, non è un’esperienza consigliabile a tutti, anche se sicuramente chiunque vorrebbe poter dire di essere entrato in una piramide. 


Prima di arrivare all'interno bisogna destreggiarsi con ripide inclinazioni e spazi limitati, è sicuramente da sconsigliare a chi soffre di claustrofobia o di problemi cardiaci, ma tutto è pulito e ben illuminato e ci si può aiutare nella discesa e risalita con corrimani e rampe di legno. Fino al secolo scorso era d’uso comune scalare la piramide esternamente ma dagli anni '80 è severamente vietato salire sulla piramide.

 

Le autorità hanno preso questa decisione per salvaguardare i monumenti, le piramidi erano infatti oggetto di vandalismo (sono stati ritrovati innumerevoli graffiti e incisioni) e per proteggere l'incolumità dei visitatori più incoscienti o fisicamente limitati che potrebbero ferirsi o peggio ancora cadere fatalmente.

 


Concludendo questo articolo con un piccolo avviso per chi vuol provare un tour egitto classico con Memphis Tours alla scoperta del Cairo, luxor e Assuan e il Mar Rosso. Prenota ora!